Michele

Blazar - Bleiz
Blazar - Bleiz

"Sai, io ho sempre pensato che se avessi avuto (o se... avrò!) un figlio mi piacerebbe PROPORGLI il Judo, ma certo non IMPORGLIELO e men che meno CON ME. Poi lascia perdere la malattia e tutto: se gli fosse piaciuto e fosse proseguito e gli fosse andata come possibilità credo che sarebbe stato bello anche praticarlo insieme occasionalmente, ma certo non come regola. Piuttosto l'avrei mandato da un buon maestro di cui mi fido, etc. etc. Ma i figli vanno mandati in palestra ANCHE perchè trovino un ambito "altro" dalla famiglia."

ARIA


Vorrei essere lieve

come il tuo respiro,

spirito di vita.


Fondermi con l'aria

per librarmi sopra la mia vita

e le piccole cose.

 

Michele Dondi

 

 

Michele judoka (per gentile concessione di Giubo)
Michele judoka (per gentile concessione di Giubo)
Michele (per gentile concessione di Kate)
Michele (per gentile concessione di Kate)

Il Diploma II Dan di judo conseguito da Michele. Per gentile concessione di sua mamma Maria Teresa che ringraziamo e salutiamo con affetto.

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    elena (lunedì, 02 novembre 2009 23:22)

    ho conosciuto michele al pini di milano. io ero con la mia bimba Silvia di 10 anni (sarcoma di ewing), lui era con i suoi splendidi genitori, all'esordio della malattia. era giugno 2006. mia figlia è morta l'8 dicembre 2007, ho un bellissimo ricordo di michele. un grande uomo direi. vorrei tanto poter parlare con la sua mamma(rita?) ho il cellulare di michele ma non risponde piu' nessuno. onore a michele. elena di silvia.

  • #2

    melamela (martedì, 03 novembre 2009 14:17)

    Ciao Elena,
    ti ringrazio tanto per aver lasciato queste righe in ricordo di Michele. Sono addolorata per quello che vi è successo, posso solo immaginare il dolore che provate.
    Purtroppo non compare il tuo indirizzo e-mail, ti lascio il mio, in modo che ti possa dare le informazioni che mi chiedi. La mamma di Michele si chiama Maria Teresa, mi sono sentita con lei pochi giorni fa e sono sicura che le farà piacere parlare con te.
    La mia e-mail:
    emanuela.zibordi[at]gmail[dot]com

    Un forte abbraccio
    Emanuela

  • #3

    elena (lunedì, 28 dicembre 2009 22:27)

    cara emanuela, grazie della risposta.
    scusami se rispondo in ritardo ma sto leggendo
    solo ora. sai, sono riuscita a contattare la mamma
    di michele. ho trovato il suo cellulare su di un
    libro che avevo in ospedale all'epoca (mi sembra un
    secolo ed invece sono trascorsi appena due anni)
    non so perchè ma stasera avevo voglia di vedere le foto di michele. e poi all'improvviso ricordo che forse oggi è l'anniversario della sua morte. non oso pensare a come possono stare i suoi. la sua mamma, maria teresa, era molto provata al telefono. ho cercato di contattarla
    al telefono di casa ma non rispondeva nessuno.
    posso capire il loro dolore. io ho un altro
    figlio, edo, michele era l'unico per loro.
    devastante. la mia e.mail e':apicellaelena@libero.it
    mi piacerebbe conoscerti meglio. un bacione e buon anno- elena di silvia.

  • #4

    Silvia Quarello (lunedì, 16 gennaio 2012)

    Michele è stata la prima persona che ho conosciuto a Fisica. Eravamo sempre seduti vicini, a tutte le lezioni. In pochi giorni siamo diventati amici. Mi telefonava quasi tutti i pomeriggi, per sapere se stavo studiando e cosa, per dirmi che aveva trovato una nuova successione di numeri che convergeva a radice di pi-greco, o per raccontarmi una barzelletta che si era inventato un attimo prima. Io apprendo con 3 anni di ritardo quanto gli è capitato ... correvo con gli esami, avevo tanti problemi in famiglia, e dopo i primi due anni di Fisica ci siamo persi di vista. Ma non l'ho mai dimenticato. E gli volevo un gran bene. Grazie a lui ho visto tutti i film di Spike Lee (Fa' la cosa giusta lo citava di continuo), ho imparato ad apprezzare i numeri primi, ho capito cosa sono i frattali, ho imparato ad andare al di là di quanto i professori spiegassero a lezione. Eravamo ragazzi appena usciti dal liceo ... e ci siamo sostenuti a vicenda in quegli anni così difficili. Percorrere un tratto di strada insieme a lui è stato bello.

    Ti avrò sempre nel cuore, Michele.

    Silvia

  • #5

    melamela (lunedì, 16 gennaio 2012 18:09)

    Grazie Silvia,
    manderò questa tue parole alla sua mamma che sento spesso. Le farà sicuramente piacere sapere che ci sono persone che hanno di Michele un ricordo così affettuoso.