La caduta su proiezione

Una volta che l'allievo è in grado di "cadere" da solo con un buon controllo di sè si va al passo successivo: la caduta su proiezione. Una cintura nera lo fa cadere, mooooooolto lentamente, controllandolo in modo quasi ossessivo, con una proiezione lenta e lieve, accompagnandolo fino al momento dell'impatto. Il tutto per fargli acquisire la propriocettività della caduta in proiezione in completa sicurezza.
Tanto per farti capire meglio: proiettare una cintura bianca come ha fatto Michele con Yas è impensabile, il proiettato si farebbe davvero tanto, tanto, tanto male.
Più o meno si farebbe così:

In questo video il M° Yamashita (forse il più grande judoka vivente) proietta un bambino controllandolo completamente, riducendo al minimo la velocità d'impatto al suolo pur lasciandolo libero di cercare la sua tecnica di caduta.

Insomma, avrai capito che la questione "apprendimento" del judo è lunga anche solo a spiegarla brevemente. Immagina quanta pazienza ci vuole nella pratica ;)

Scrivi commento

Commenti: 0